Archivi della categoria: In diocesi

L’Arcivescovo Leonardo D’ASCENZO incontra gli alunni della “Scuola Secondaria Statale di I grado “Gen. E. Baldassarre” – Trani

GLI AUGURI NATALIZI DELL’ARCIVESCOVO AL MONDO DELLA SCUOLA

Con un messaggio fatto pervenire a tutte le scuole della diocesi, l’Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie, Mons. Leonardo D’Ascenzo ha formulato ai dirigenti scolastici, studenti, famiglie, docenti,  personale ATA e componenti degli organi collegiali, gli auguri natalizi:

«In prossimità della Festività del Santo Natale, giunga a tutti voi il mio paterno augurio in unione al Direttore dell’Ufficio Scuola Diocesano, don Nicola Grosso e a coloro che collaborano con detto ufficio. Il Natale sia un’opportunità per tutti i battezzati di riscoprire la bellezza di sentirsi amati e custoditi dal Dio-Uomo che viene ad abitare in mezzo a noi.

Il Natale è la festa della Luce!

“Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia” (Is 9,1).

Le parole del profeta Isaia che ascolteremo nella veglia natalizia, ci ricorda di vivere questo tempo di Natale nella gioia, perché nasce il Re della Luce, colui che viene a illuminare la notte buia della tristezza e dell’angoscia. Il Signore possa illuminare ciascun uomo e ciascuna donna con la luce della sua presenza, come ha fatto con i pastori, con i Magi, con Maria e Giuseppe. Riprendiamo a guardare la mangiatoia da dove tutto ha inizio e rimettiamo al centro il motivo di questa bella festa della nostra fede: Dio che si fa uomo per elevarci tutti alla dignità di figli amati da Lui. Auguri di un sereno Natale e di un felice nuovo anno».

La foto si riferisce all’incontro di Mons. Leonardo D’Ascenzo con gli alunni presso il Liceo Scientifico “Vecchi” in Trani (21 dicembre 2021)

SALUTO AUGURALE AL MONDO DELLA SCUOLA A.S. 2021/2022

Auguri inizio anno 2021-22

SALUTO AUGURALE AL MONDO DELLA SCUOLA
Carissimi, dirigenti scolastici e docenti, personale tecnico, amministrativo e ausiliario,
alunni e genitori, il nuovo anno scolastico 2021-2022 riprende il cammino di formazione personale e culturale.
Sentiamo, quanto mai la necessità, di incontrare “in presenza” i nostri bambini e ragazzi, i nostri colleghi e amici, dopo un anno trascorso, nella maggior parte dei casi, di fronte a uno schermo piatto e, a volte, senza emozioni. La didattica in presenza, che mi auguro vi accompagni  per tutto l’anno scolastico, dipenderà dall’attenzione che ognuno avrà nel contrastare l’ancora presente virus. Se da una parte il tanto discusso vaccino ci rassicura, dall’altra siamo invitati a non abbassare la guardia e non dirci “usciti” dall’emergenza sanitaria.
Quest’anno l’intera Chiesa Diocesana, in tutte le sue esperienze formative e spirituali, sarà chiamata a vivere due temi molto belli e affascinanti. In continuità con gli orientamenti pastorali, che l’anno scorso ci ha fatto riflettere sul tema della povertà, quest’anno saremo chiamati a volgere l’attenzione alle famiglie e ai giovani. Sappiamo bene come la prima cellula di educazione e di evangelizzazione sia proprio la famiglia, fucina di formazione alla vita quotidiana nel rispetto
dell’altro e della società. Partendo dalla famiglia saremo chiamati a spronare i giovani a non lasciarsi invadere dalla noia e dalla passività (durante questi mesi scorsi abbiamo vissuto, a causa del virus, “l’appiattimento delle relazioni”), ma ad essere sempre sentinelle che guardano la realtà con l’occhio vigile e attento ai bisogni dell’altro. Sì, la sentinella, nel suo compito di vigilare, deve pensare al bene che lo circonda per poter evitare il peggio. Ed è l’immagine della sentinella che ci
apre al secondo tema che accompagnerà la nostra vita ecclesiale a servizio del mondo: lo stare insieme, il camminare insieme, in altre parole vivere la sinodalità: tema del prossimo Sinodo dei Vescovi indetto da Papa Francesco per l’anno 2023. La sinodalità dovrebbe essere lo stile di vita di ogni persona umana, non soltanto della Chiesa, nella consapevolezza che non possiamo vivere da soli, ma dobbiamo camminare sempre con e per i nostri fratelli e sorelle.
Mi auguro che, come è accaduto nell’anno appena concluso, possiamo camminare insieme, Chiesa e Scuola e famiglie, in un rapporto di fiducia reciproca per il bene dei nostri figli.
Vi auguro, unitamente al Direttore dell’Ufficio Scuola Diocesano don Nicola Grosso, un felice anno scolastico, pieno di serenità e di soddisfazione.
Mi dichiaro, come sempre, disponibile ad incontrarvi sul campo di lavoro per stabilire con voi un dialogo fraterno e sincero.

+ Mons. Leonardo D’Ascenzo
Arcivescovo